Fantascienza

MIB: International- una trama poco riuscita

Men In Black: International è il quarto film della saga MIB, uscito il 25 luglio 2019. Le riprese si sono svolte a New York, Marocco, Italia e Londra da luglio a ottobre 2018. Il film ha già incassato oltre 235 milioni di dollari in tutto il mondo.

Da sempre la Terra è stata protetta dai peggiori alieni da una organizzazione di uomini in nero. L’Agente H (Chris Hemsworth) e l’Agente M(Tessa Thompson), però, si trovano questa volta a fronteggiare un pericolo senza precedenti: una talpa nell’organizzazione.

MIB International – Il capitolo meno riuscito della saga

Questo film è sicuramente di qualità inferiore agli altri tre film precedenti. I problemi maggiori si riscontrano nella trama, nella regia e nella sceneggiatura.

La regia di F. Gary Gray ci da l’impressione che manchino dei pezzi, che non vediamo tutto ciò che potrebbe essere interessante, ma solo una piccola parte. Alcuni esempi sono il vedere pochissimo della sede iconica dei Men In Black ed il girare le scene inquadrando solo il luogo designato, senza riprendere quello che potevano essere delle meravigliose vedute del Marocco, Italia e Londra. Davvero un peccato!

Nonostante questo però, le scene di combattimento sono strepitose. Una gran attenzione agli effetti speciali ed alla sincronia dei movimenti; merito anche dei ballerini Les Twins, per la prima volta sul grande schermo.

MIB International

La trama come affermato già dalla maggior parte dei critici è abbastanza banale, si dimentica facilmente, ma è comunque avvincente e non annoia.

La sceneggiatura è povera, i dialoghi sono mediocri e di poco spessore, a parte alcuni momenti ironici e divertenti.

La vera sorpresa: i personaggi secondari

La vera sorpresa sono proprio i personaggi secondari, che sembrano avere dei ruoli migliori dei protagonisti. Non ne parlerò troppo per non fare spoiler.

Ho apprezzato molto i Gemelli (Laurent e Larry Bourgeois), che con la loro abilità di ballo hanno contribuito a rendere MIB più dinamico.

Ma anche Pedino, un personaggio che vi renderà la visione un vero spasso!

Inoltre Emma Thompson è il perfetto connubio tra serietà e ironia; un vero piacere vederla sullo schermo.

Chris Hemsworth e Tessa Thompson

MIB International

L‘agente H (Chris Hemsworth) è un personaggio che ho odiato dal primo istante; sembra essere una brutta copia dell’agente J di Will Smith. I suoi dialoghi sono a dir poco imbarazzanti; sembra un personaggio senza spessore, che non ha né passato, né esperienze di vita.

Tessa Thompson ha un ruolo migliore da interpretare, è la prima donna che entra a far parte della squadra MIB. La sua presenza è piacevole durante tutto il film; è sicuramente un personaggio con cui il pubblico può simpatizzare ed entrare in sintonia. L’unica pecca come ho già riportato prima sono proprio i dialoghi.

I due protagonisti hanno una grande intesa, che rende la visone piacevole e dinamica, senza punti morti.

Il mio voto è 6.5!

Ti ricordo anche che con il codice ILNARRATOREDINUVOLE puoi avere il 15% di sconto sugli orologi CAPITOLA! Per maggiori informazioni puoi cliccare qui

Seguimi anche sui social per restare sempre aggiornato/a su articoli, news e tanto altro!

Facebookpinterestinstagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *